Chirurgia viso
Fili di trazione

I fili di trazione rappresentano una tecnica di lifting per il viso che contrasta efficacemente le rughe mediante l’utilizzo di fili spinati bidirezionali riassorbibili.
I Fili di trazione, totalmente biocompatibili e riassorbibili, sono costituiti da acido polilattico che, essendo una sostanza in grado di stimolare la collagenogenesi, crea una naturale accelerazione verso l’incremento della produzione di collagene endogeno, il che riduce notevolmente la presenza delle rughe. I fili di trazione si fissano nel tessuto adiposo sottocutaneo (e non nell’osso, come per i fili non riassorbibili chirurgici).

I vantaggi dei Fili di trazione sono molteplici:
– necessitano di una semplice anestesia locale;
– favoriscono l’incremento di fibroblasti, collagene, fibre elastiche e della matrice cellulare di Acido Ialuronico fondamentali per la riduzione delle rughe;
– migliorano la vascolarizzazione;
– sono totalmente riassorbibili in massimo 18 mesi;
– i fili di trazione possono essere utilizzati sul terzo medio inferiore del viso (contorno mandibolare e mento) e come alternativa alla rinoplastica.

Prima dell’intervento si esegue sempre una prima visita per valutare la condizione di ptosi (scivolamento) delle strutture del grasso delle guance e della lassità dei tessuti del viso. Si procede, quindi, al disegno sul derma dei punti di entrata e di uscita dei fili ed alla determinazione della loro quantità per parte. Si esegue l’anestesia locale esclusivamente nei punti di entrata e di uscita dell’ago e si prepara il foro del punto di inserimento con un ago specifico. L’anestetico è lidocaina 23% con una goccia di adrenalina per creare un vasospasmo necessario per non avere fuoriuscita di sangue (campo pulito) ed eventuali ematomi. Si procede, quindi, all’inserimento del filo prima del ramo inferiore (trazione) e poi di quello superiore (ancoraggio).

In ultimo, per completare il lavoro si eseguirà manualmente un massaggio compressivo che sarà utile a posizionare al meglio il filo ed a far salire il derma nel punto di inserimento centrale dell’ago.

I fili di trazione, totalmente biocompatibili e riassorbibili, sono costituiti da acido polilattico che, essendo una sostanza in grado di stimolare la collagenogenesi, crea una naturale accelerazione verso l’incremento della produzione di collagene endogeno.
La durata dell’intervento di lifting è di circa 60 minuti. I risultati dell’inserimento dei fili di trazione dura dagli 8 ai 18 mesi.

Immediatamente dopo il lifting, è importante che durante il riposo il paziente rimanga in posizione supina: appoggiando il viso sul cuscino, infatti, si farebbe troppa pressione sulle spine di trazione dei fili prima che questi vengano accolti stabilmente dal derma.

Questo tipo di intervento di lifting non ha controindicazioni, ma c’è la remota possibilità che si verifichino effetti collaterali, quali la depressione della pelle del viso nel punto di inserimento dell’ago, che normalmente viene evitata dal massaggio compressivo a fine seduta, e le ondulazioni della pelle vicino all’orecchio come eccedenza, che normalmente si assestano spontaneamente in circa 3 giorni.

Dr Franco Lauro
Oltre 50 anni di esperienza al servizio della Chirurgia estetica

Un’arte che si tramanda di generazione in generazione